Inserimento lavorativo

L’inserimento a pieno titolo nell’attività lavorativa attua uno dei principi fondamentali della Costituzione e fornisce le risorse economiche necessarie alla vita, oltre a favorire la costruzione e il riconoscimento di un’identità attraverso il ruolo professionale e l’inclusione nella rete sociale.
Il lavoro, quindi, non fornisce solo reddito, ma è luogo di realizzazione, di rafforzamento di fiducia e rispetto di sé, di scambio e di relazioni sociali, di valorizzazione, di apprendimento, di accrescimento personale e professionale e di acquisizione di indipendenza e autonomia.
Lavorare costituisce quindi un elemento fondante e qualificante nella costruzione di un percorso di inclusione sociale, diventando l’imprescindibile punto di partenza per un percorso di crescita umana e di riabilitazione sociale.
Per la collettività, garantire l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate costituisce un vantaggio da più punti di vista:

  • contiene forme di devianza sociale
  • aumenta il gettito fiscale
  • sottrae le persone con problemi al circuito dell’assistenza con possibili risparmi per la Pubblica Amministrazione.
Persone svantaggiate
Image

Persone svantaggiate

Si possono definire persone svantaggiate persone che, anche in presenza di una situazione favorevole dell’economia e del mercato del lavoro, continuano a trovarsi in situazioni di marginalità ed esclusione appartenendo ad una categoria che ha difficoltà ad entrare, senza assistenza, nel mercato del lavoro.
Svantaggio certificato: è quel tipo di svantaggio così grave da essere riconosciuto e preso in carico dai servizi pubblici e che ricomprende ad esempio disabili fisici, sensoriali, psichici, soggetti in trattamento psichiatrico, tossicodipendenti, alcolisti, detenuti e ammessi alle misure alternative alla detenzione.
Un’altra quota rilevante degli svantaggiati è costituita invece da soggetti che, pur non rientrando in categorie definite e facilmente censibili, subiscono processi di indebolimento e marginalizzazione che comportano l’esclusione dal mondo del lavoro: disoccupati di lungo periodo, immigrati all’inizio del proprio percorso migratorio, adulti soli con figli a carico, lavoratori over 40 espulsi dal mercato del lavoro. Molte di queste persone, lasciate senza sostegni, rischiano di arrivare ad uno stato tale di devianza o patologia che confluisce nello svantaggio certificato.